mercoledì 26 dicembre 2007

DOLOMITE - Carbonati (Carbonates)

Clicca immagine per ingrandire

DOLOMITE

Si presenta in forme romboedriche regolari, costituite da un solido delimitato da sei facce di
rombi uguali. Tipici sono anche gli aggregati di cristalli a facce curve, che danno luogo alla caratteristica forma "a sella di cavallo". 
I cristalli, dotati di facile sfaldatura romboedrica, possono essere incolori e trasparenti, oppure biancastri, giallognoli, rosati e opachi. 
La lucentezza, vitrea nei cristalli incolori, è tipicamente madreperlacea specie negli aggregati selliformi. 
La dolomite si può presentare anche in masse spatiche, compatte o saccaroidi, oppure in masse cavernose.

CARATTERI DIAGNOSTICISi riga con un temperino ed è poco pesante. Si differenzia dalla calcite perché non dà effervescenza con acidi diluiti e freddi.

ORIGINE - La dolomite è un minerale molto diffuso soprattutto come costituente fondamentale di rocce sedimentarie carbonatiche, quali le dolomie e i calcari dolomitici.
Queste rocce si sono formate principalmente per l'azione dell'acqua marina, ricca di magnesio, sui depositi calcarei marini, che ha progressivamente causato la sostituzione di parte del calcio contenuto in questi calcari con il magnesio. 
La dolomite è però anche presente in certi filoni idrotermali depositatisi a bassa temperatura in varie rocce metamorfiche.

GIACIMENTI - Numerose sono le località italiane dov'è possibile reperire questo mlnerale. In Piemonte si trova, sotto forma di cristalli, nelle fessure della dolomia saccaroide di Crevola d'Ossola; splendidi cristalli provenivano inoltre dalle miniere di Brosso e Traversella, vicino a Torino. 
In Lombardia è presente, con cristallini selliformi, nel porfido quarzifero di Cuasso al Monte (Varese). 
Abbonda nell'area dolomitica ed è frequente anche nel marmo di Carrata. 
Eccellenti campioni di dolomite provengono dalla regione spagnola della Navarra.

USI - La dolomia pura è un ottimo materiale per I'estrazione del magnesio metallico, usato soprattutto nella preparazione di leghe leggere. Dalla dolomia si ottengono direttamente i sali di magnesio, alcuni dei quali sono impiegati in medicina. 
È usata nell'industria edilizia per preparare cementi particolari.



3 commenti:

Raggio di sole ha detto...

Che belle queste tue pietre Loris , veramente belle .
Buona notte...Gy.......

Ondamagis ha detto...

Queste sono belle, sì, ma mai al pari delle precedenti. Ciao

Tiziana ha detto...

Sia vitrea che madreperlacea, questa pietra ha un suo affascinante candore.