sabato 16 febbraio 2008

ANALCIME - Silicati (Silicates)


Clicca immagine per ingrandire

ANALCIME

I cristalli di questo minerale, frequentissimi, raggiungono talvolta le dimensioni di un pugno e possono essere sia trasparenti e incolori, sia opachi e di colore bianco o bianco-rosato. Si presentano normalmente come solidi caratteristici e inconfondibili, a 24 tacce quadrilatere trapezoidali, detti icositetraedri o anche trapezoedri.
L'analcime è mediamente duro, ha lucentezza vitrea e sfaldatura indistinta; è riconoscibile, oltre che per queste caratteristiche, per la forma cristallina e per la facile fusibilità.

CARATTERI DIAGNOSTICI - Riscaldato in una provetta di vetro alla fiamma, si intorbida sviluppando vapore acqueo, che condensa sulle pareti fredde della provetta.

ORIGINE - L'analcime è diffuso in vari ambienti (magmatico, sedimentario, metamorfico). Di solito però si trova, in forma di splendidi cristalli, nelle cavità di rocce eruttive, come i basalti e le andesiti.

GIACIMENTI - L'analcime è presente in numerosissime località italiane. Nei geodi dei basalti di Montevecchio Maggiore, in provincia di Vicenza, è facile trovare piccoli e brillantì cristalli limpidi e incolori. 
Più grossi, opachi e di color bianco-rosato sono i cristalli provenienti dall'Alpe di Siusi (Bolzano), dalla Val di Fassa (Trento) e dal Vicentino. 
In Sicilia splendidi cristalli di analcime si trovano sulle isole dei Ciclopi, le formazioni rocciose che si stagliano di fronte ad Aci Trezza (Catania).




2 commenti:

Ondamagis ha detto...

queste pietre sono vere e proprie opere d'arte della natura. A proposito di pietra preferita, lo smeraldo si può aggiungere?

Tiziana tizy ha detto...

Questi sembrano agglomerati di sale, oppure, fantasiose costruzioni di ghiaccio.