venerdì 15 febbraio 2008

APOFILLITE - Silicati (Apophillite - Silicates)

Clicca immagine per ingrandire

Il nome designa in realtà due minerali diversi (l'idrossiapofillite e la fluoroapofillite), ma talmente simili da non essere distinguibili se non mediante sofisticate analisi chimiche. È stato comunque stabilito di attribuire il nome generico di apofillite in tutti i casi in cui la composizione chimica del campione non sia conosciuta con precisione. 
I cristalli sono molto frequenti e di aspetto quanto mai variabile. Se ne trovano di appiattiti e molto sottili a forma di tavoletta a sezione prevalentemente rettangolare, con i quattro vertici "tagliati" da piccole faccette, e altri di forma cuboide dove i vertici sono occupati dalle piccole facce triangolari di una piramide tetragonale. Sono inoltre abbastanza frequenti cristalli formati da bipiramidi quadrate appuntite che simulano un ottaedro, o da prismi più o meno allungati, dove il pinacoide basale è poco sviluppato. 
I cristalli possono avere dimensioni rilevanti e di solito sono incolori e trasparenti oppure bianchi e traslucidi od opachi, ma i più eleganti e ricercati sono quelli rosati, verdi o azzurri.

CARATTERI DIAGNOSTICI - Al cannello si sfoglia fondendo in un vetro chiaro; scaldata alla fiamma in una provetta di vetro svolge vapore acqueo che condensa sulle pareti fredde; con acido cloridrico si decompone lasciando un residuo di silice gelatinosa.

ORIGINE - L'apofillite è un comune e tipico minerale di origine idrotermale e come tale occupa soprattutto cavità di rocce basaltiche e similari.

GIACIMENTI - Splendidi e famosi esemplari, talvolta di colore verde smeraldo, provengono dalla zona di Poona, vicino a Bombay, in India. 
In Italia campioni significativi sono stati rinvenuti all'Alpe di Siusi (Bolzano) e nei dintorni di Mori (Trento). 
Più frequentemente, in cristalli piccoli ma assai eleganti, si trova nei geodi e nelle fessure del basalto dì Montecchio Maggiore nel Vicentino.




2 commenti:

Ondamagis ha detto...

Queste pietre sembrano stalattiti e stalagmiti, tanto sono belle!

Tiziana ha detto...

Belle, sia vitree che madreperlacee.