venerdì 15 febbraio 2008

CERUSSITE - Carbonati (Carbonates)

Clicca immagine per ingrandire

CERUSSITE


Si presenta in cristalli prismatici allungati, tozzi o tabulari che sfaldano con facilità secondo le facce del prisma; rare sono le masse compatte, fibrose o terrose, stalattitiche. 
I cristalli sono incolori oppure bianchi con riflessi grigiastri, la polvere è bianca; trasparenti o traslucidi, con lucentezza adamantina, talvolta presentano luminescenza giallastra se sottoposti ai raggi ultravioletti.

CARATTERI DIAGNOSTICI - La cerussite fonde senza difficoltà; non è, come molti altri carbonati, solubile nell'acido cloridrico, ma lo è in quello nitrico, dando origine a una violenta effervescenza e distinguendosi in tal modo dall'anglesite, un solfato di piombo molto simile.

ORIGINE - È una specie tipica della zona di ossidazione dei giacimenti di
piombo, laddove i minerali primari di questo metallo (per esempio la gaiena)
sono sottoposti ad alterazione chimica per opera di acque circolanii ricche di
acido carbonico, costituendo poi i cosiddetti minerali secondari (come la ce-
russite stessa e l'anglesite).

GIACIMENTI E USI - Esemplari di cerussite in cristalli limpidi di dimensioni notevoli provengono da Tsumeb (Namibia) e dal New Mexico (Usa); altre splendide cristallizzazioni si trovano a Broken Hill (Australia), a Phoenixville, in Pennsylvania, e a Leadville, in Colorado (Usa); in Boemia, Tunisia e Siberia. 
In Italia sono famosissimi i cristalli piccoli ma assai limpidi rinvenuti nelle miniere di Monteponi e di Montevecchio, nel Cagliaritano.

La cerussite viene utilizzata per l'estrazione del piombo e, seppure subordinatamente, anche per quella dell'argento. Poiché si presenta in cristalli molto belli, ha spesso importanza collezionistica e scientifica.




ORDINE ALFABETICO DI TUTTI I MINERALI

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Z


2 commenti:

Ondamagis ha detto...

Che forme strane, sembrano quasi dei fiocchi di neve o dei cristalli di grotte sotterranee.
Il tour continua. Mandini

Tizyana ha detto...

Non si distinguono per colore, ma le forme, quelle sì, sembrano cristalli di neve, gigli appena sbocciati, costruzioni di zucchero croccante.