sabato 1 novembre 2014

CORINDONE (Rubino, Zaffiro) (Corundum - Ruby, Sapphire)

Corindone rubino

CORINDONE
Al2O3
Sistema - Trigonale
Durezza - 9
Densìtà - 3,95 - 4,1
Colore - Incolore, allocromatico
Lucentezza - Adamantina

I cristalli sono per la maggior parte bipiramidali o prismati cobipiramidali. Prismi tozzi terminati da un ampio pinacoide danno al corindone un aspetto discoidale. Il minerale presenta geminazione polisintetica, raramente percepibile a occhio nudo; quando ciò è possibile si possono osservare fitte lamelle accostate e disposte con precisa orientazione geometrica. 
Il corindone è allocromatico: quando è puro è assolutamente incolore, mentre può assumere colorazioni quando è "inquinato" da altri elementi chimici. 
Tra le sue varietà vanno annoverate l'armofane (grigio opaco), il padparadscia (arancione), il rubino (rosso), lo zaffiro blu e lo smeriglio, corindone granulare mescolato con ossidi di ferro. 
La presenza di finissime inclusioni orientate in modo particolare ha come effetto il fenomeno dell'asterismo (corindone asteria o stellato).

CARATTERI DIAGNOSTICI - Molti corindoni mostrano una certa facilità a sezionarsi secondo determinati piani; in questo caso non siamo però in presenza di una vera e propria sfaldatura, ma di un particolare fenomeno (legato alla geminazione polisintetica lamellare) detto pseudosfaldatura. 
Il corindone è I'unica sostanza naturale di durezza 9 e può essere scalfito soltanto con il diamante, che è ancora più duro. 
Spesso è fluorescente ai raggi ultravioletti.

ORIGINE - Il corindone è un minerale di rocce metamorfiche; si trova però anche in rocce formatesi per consolidamento di magmi profondi poveri di silice.

GIACIMENTI - Grandi cristalli di questo minerale si trovano nelle rocce antiche degli Urali, del Canada, degli Stati Uniti e del Madagascar. I corindoni di migliore qualità gemmologica vengono estratti in Birmania, Thailandia, Cambogia, Sri Lanka, Australia e nel Montana (Usa). 
In Italia cristalli di corindone sono segnalati in Valsesia e in Val d'Ossola. 
Lo smeriglio proviene dalla Turchia e dall'isola di Naxos, in Grecia.

USI - Per la sua notevole durezza il corindone trova impiego come abrasivo, anche se oggi è spesso sostituito da prodotti artificiali. Può venire usato per costruire i cuscinetti di orologi e di altri strumenti di precisione oppure per ricavarne I'alluminio. 
L'uso più redditizio è però quello gemmologico a cui sono destinate le sue varietà colorate; anche per questo scopo il corindone viene fabbricato artificialmente da quasi un secolo.

USO GEMMOLOGICO - Le varietà nobili del corindone costituiscono due fra le gemme più note in gioielleria: il rubino e lo zaffiro. 
Il rubino è una varietà rossa, con tracce di cromo, che si rinviene in marmi dolomitici e in depositi alluvionali. Proviene principalmente dalla Birmania settentrionale, dalla Thailandia, dallo Sri Lanka e dalla Tanzania. I rubini trasparenti sono sempre piuttosto piccoli: una gemma di 10 carati è già eccezionale. Ecco perché si reputano straordinari rubini come il Rosser Reeves Ruby di 140 carati (Smithsonian lnstitution di Washington) e il Long Star Ruby, un esemplare stellato di 100 caratl (Museo di Storia Naturale di New York). 
I rubini trasparenti si tagliano solitamente a faccette, mentre per quelli traslucidi si preferisce la forma a cabochon. 
Gli esemplari di grandi dimensioni si prestano anche per lavori d'intaglio.

A rigore il termine zaffiro andrebbe applicato solo alla varietà azzurro-blu di corindone, ma di solito vengono chiamati zaffiri tutti i corindoni di colore diverso dal rosso. Lo zaffiro si rinviene generalmente in depositi alluvionali. 
Principali località di provenienza sono quelle di Australia, Sri Lanka, Birmania e Thailandia, Zaffiri di dimensioni eccezionali sono lo Star of lndia di 563 carati (Museo di Storia Naturale di New York) e lo Star of Asia di 330 carati (Smithsonian lnstitution di Washington). 
Il taglio più diffuso por lo zaffiro trasparente è quello faccettato ovale o rotondo, ma è facile trovare anche tagli a cuore, a baguette o a navette.



Corindone zaffiro

ORDINE ALFABETICO DI TUTTI I MINERALI
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Z
     



AUGITE - Silicati (Silicates)


AUGITE
(Ca, Mg, Fe'', Fe''', Ti, Al)2(Si, Al)2O6
Sistema - monoclino
Durezza - 5,5 - 6,0
Densità - 3,2 - 3,5
Colore - Verde scuro,  nero, bruno
Lucentezza - Da vitrea a resinosa

Compare sia in aggregati granulari, sia in individui di abito prismatico, per lo più tozzo, a contorno quasi quadrato od ottagonale; sono frequenti anche i geminati per contatto. 
Il colore è sempre piuttosto scuro: appare nero se il minerale si presenta in forma massiva, ma può essere verdastro e bruno se è in piccoli frammenti. 
Ha lucentezza vitrea tendente alla resinosa: in particolare, è assai viva sulle superfici di sfaldatura, che di solito appaiono brillanti,

CARATTERI DIAGNOSTICI - Tende ad alterarsi con facilità, dando carbonati e prodotti cloritici ed epidotici.

ORIGINE - Minerale molto comune, si trova di solito in rocce plutoniche vulcaniche, ma anche in alcune rocce metamorfiche.

GIACIMENTI - I cristalli più belli si rinvengono in varie località italiane, tra cui il Monte Buffaure (Trento), la zona di Falcade (Belluno), nei tufi vulcanici del Lazio e infine nelle lave del Vesuvio, dello Stromboli e dell'Etna.

SERIE DELL'AUGITE -  Comprende il diallagio, termine di passaggio tra i pirosseni alluminiferi dell'augite e quelli privi di alluminio del diopside, la fassaitel'omfacite.