martedì 25 novembre 2014

BARITE - Solfati (Sulphates)


BARITE

BaSO4

Sistema - Rombico
Durezza - 3,0 - 3,5
Densità - 4,48
Colore - Incolore, allocromatico
Lucentezza - Da vitrea a madreperlacea


Frequenti, spesso ricchi di facce e prevalentemente tabulari, i cristalli di barite (o baritina) possono avere un abito nettamente prismatico caratterizzalo da una tipica terminazione "a scalpello". 
Di solito limpidi e incolori, ma anche biancastri o variamente colorali (specialmente in giallo miele, rosa o celeste), si trovano raramente isolati; molto più spesso sono riuniti in druse, talvolta veramente spettacolari.

CARATTERI DIAGNOSTICI -  La facile sfaldatura in forme parallelepipede, la sua insolubilità e mancanza di effervescenza con gli acidi, ma soprattutto la sua pesantezza, insolita per un minerale non metallico, consentono normalmente un rapido riconoscimento. 
La barite ha lucentezza vitrea con tendenza a quella madreperlacea e si può facilmente rigare con un temperino.

ORIGINE - La barite è presente principalmente in giacimenti di origine idrotermale sia specifici, sia come ganga in associazione a filoni di solfuri metallici.
Può anche essere presente in vene e cavità di sostituzione nei calcari e nelle dolomie. Comunemente si trova in cospicue masse spatiche o granulari biancastre e opache.

GIACIMENTI - I principali giacimenti italiani sfruttati industrialmente sono situati in Trentino (miniere di Darzo) e in Sardegna. In passato anche la Valsassina (Cortabbio, Como), le Prealpi bergamasche, bresciane e venete fornivano prodotto industriale. 
Druse di splendidi cristalli si trovavano nelle miniere di Brosso e Traversella, in Piemonte, e nella zona di Pergine-Vetriolo, in Trentino, mentre grossi cristalli giallo miele provenivano dalla miniera di Barega, presso Nuxis, in Sardegna, In altre località sarde si trovano eleganti druse di cristalli talvolta leggermente azzurri e molto apprezzati dai collezionisti.

USI - La barite è la principale fonte da cui si ottengono sali di bario. Macinata, si usa come pigmento nell'industria cartaria e dei colori e nella preparazione di fanghi pesanti usati nella perforazione dei pozzi petroliferi. 
Il solfato di bario viene usato in medicina come mezzo diagnostico di contrasto per eseguire esami radiografici dell'apparato digerente.