martedì 3 febbraio 2015

EUCLASIO - Silicati (Silicates)



EUCLASIO

AlBeOHSiO4

SISTEMA - Monoclino
DUREZZA - 7,5
DENSITA' - 3,0 - 3,1
COLORE - Incolore, azzurro
LUCENTEZZA - Vitre

Cristallizza in individui prismatici di forma allungata, spesso con facce finemente striate. 
In genere appare di un tipico colore azzurro chiaro. Relativamente comune, però, è anche l'euclasio incolore, mentre assai più rare sono le colorazioni gialle oppure giallo-verde e del tutto eccezionali, infine, le pietre tendenti al blu. 
La lucentezza è vitrea, tuttavia può apparire madreperlacea sulle superfici di sfaldatura e frattura che hanno tipici caratteri concoidi.

CARATTERI DIAGNOSTICI - È difficilmente fusibile e non si scioglie negli acidi.

ORIGINE - L'euclasio si rinviene, sotto forma di piccoli cristalli, in graniti e scisti cristallini, mentre nelle pegmatiti può raggiungere dimensioni maggiori, dell'ordine anche di diversi centimetri. Di rado è presente nelle ghiaie e nelle sabbie dei depositi alluvionali, dove si mostra in forme irregolari e allungate.

GIACIMENTI E USI - I principali giacimenti si trovano in Brasile.
In Italia è stato scoperto in filoni pegmatitici della Valle Aurina (Bolzano), mentre in Europa è segnalato a Rauris (Austria), dove è presente in piccoli cristalli associati ad albite. 
Il più importante deposito alluvionale è quello del fiume Sanarka, negli Urali.

Il minerale viene utilizzato in campo gemmologico, tagliato a tavola e gradini.