mercoledì 23 dicembre 2015

GREENOCKITE (Solfuri - Sulphides)


GREENOCKITE

CdS

SISTEMA: Esagonale
DUREZZA: 3,0 - 3,5
DENSITÀ: 4,9 - 5,0
COLORE: Giallo, rosso, arancio
LUCENTEZZA: Resinosa

Si presenta comunemente come incrostazione terrosa gialla, assai raramente in cristalli distinti, emimorfi, con abito piramidale, gialli o rosso arancio.

CARATTERI DIAGNOSTICI -  Trattato con acido cloridrico, emana vapori di acido solfidrico dal caratteristico odore di uova marce.
Quando contiene zinco, emana una fluorescenza giallo arancio.

ORIGINE -Come concrezione, spesso è associata ai minerali di zinco, in particolare alla blenda. È stata anche prodotta artificialmente riscaldando ossido di cadmio in vapori di zolfo.

GIACIMENTI E USI - Si trova a Bishopton, in Scozia, in cristalli lunghi anche più di un centimetro, Llallagua in Bolivia, Pirquitas in Argentina, Sibai negli Urali, con prehnite e zeoliti a Paterson nel New Jersey (Usa). 
Nella miniera di stagno e argento Asunta (San Vincente, Bolivia) sono stati trovati cristalli rossi di 2 millimetri; in Italia incrostazioni terrose di greenockite si trovano nel Bergamasco, nel Vicentino, nel Trentino-Alto Adige e a San Giovanni in Sardegna. 

Benché raro, viene estratto per la produzione di cadmio.