lunedì 27 giugno 2016

MILLERITE - Solfuri (Sulfides)



MILLERITE

NiS

SISTEMA: Trigonale
DUREZZA: 3,5
DENSITÀ: 5,2 - 5,6
SFALDATURA: Facile
FRATTURA: Scheggiosa
COLORE: Giallo lucente
COLORE DELLA POLVERE: Nero-verdastro
LUCENTEZZA: Metallica

Assai rara in quantità consistenti, si presenta abitualmente in cristalli aghiformi o capillari; rare sono le forme prismatiche evidenti. Si rinviene anche in gruppi raggiati o stellati; molto più rara è in masserelle compatte o fibrose incluse. Il colore è giallo ottone vivo, anche con sfumature grigio-verdi.




CARATTERI DIAGNOSTICI - I cristalli si opacizzano facilmente e sono attaccabili dagli acidi.

ORIGINE - Si trova più frequentemente come minerale di bassa temperatura, in cavità o in vene carbonatiche, anche associata a vene di carbone.

GIACIMENTI - È presente in Boemia, in Germania, in cristalli capillari nella siderite nel Galles; in gruppi raggiati in cavità nell'ematite nello Stato di New York, con aspetto vellutato su pirrotina in Pennsylvania, con cinabro in California, con maucherite su cristalli di uvarovite nell'Ontario. Il giacimento più ricco con grandi masse sfaldabili incluse è a Temagami nell'Ontario, in Canada. 
In Italia è diffusa nelle idrotermaliti dell'Apennino bolognese: in tracce è presente in Sardegna e in Toscana. Fu trovata perfino in meteoriti.




ORDINE ALFABETICO DI TUTTI I MINERALI

domenica 26 giugno 2016

SILLIMANITE (Fibrolite) Sillimanite Cat's Eye



SILLIMANITE

Al2OSiO4

SISTEMA: Rombico
DUREZZA: 6,5 - 7,5
DENSITÀ: 3,23 - 3,27
SFALDATURA: Facile
FRATTURA: Irregolare
COLORE: Incolore, allocromatico
COLORE DELLA POLVERE: Bianco
LUCENTEZZA: Da vitrea a sericea


La sillimanite cristallizza nel sistema rombico, in individui prismatici allungati, a sezione quadrata e verticalmente striati. Più comunemente, però, forma masse compatte anche cospicue, talvolta a struttura fibrosa (fibrolite) o colonnare. In sottili fibre si può trovare inclusa nel quarzo e in altri minerali. 
Trattandosi di un minerale allocromatico, la sillimanite può essere incolore, bianca, grigiastra o variamente colorata in giallognolo, bruno o verdastro. 
Da trasparente a traslucida, mostra una lucentezza variabile da vitrea a quasi grassa, fino a divenire sericea nelle varietà fibrose; è dura e pesante, con una facile sfaldatura secondo I'allungamento delle fibre, mentre la frattura, irregolare, è trasversale alle stesse. 
Questo minerale ha la stessa composizione chimica dell'andalusite e della cianite: le tre specie cristallizzano in forme diverse, dando luogo a uno dei più classici esempi di polimorfismo.




CARATTERI DIAGNOSTICI - È una specie insolubile negli acidi, oltre che infusibile al cannello.

ORIGINE - Si trova principalmente in rocce formatesi in seguito a metamorfismo regionale, in condizioni di pressione e di temperatura elevate. Si rinviene, però, anche in alcune particolari pegmatiti.

GIACIMENTI - È presente nelle pegmatiti, in lunghi cristalli di colore grigio-verdognolo, nel Vallone del Nibbio, presso Mergozzo (Verbania), e in altre località vicine. In forma fascicolata è stata scoperta, inoltre, nella zona di Sondalo (Sondrio).
Tra le numerose località estere, occorre citare Brissago (Svizzera), Alpe Lisenz (Tirolo, Austria), Bodenmais (Baviera, Germania), Pontgibaud (Francia) e Mogo (Birmania). Dallo Sri Lanka provengono pregevoli campioni trasparenti di colore blu zaffiro adatti all'uso gemmologico, mentre dagli Stati Uniti e dal Brasile si ricavano ciottoli della varietà fibrolite che, una volta lavorati, mostrano il fenomeno del gatteggiamento.

USI - I consistenti depositi di sillimanite dell'India sono sfruttati a scopo industriale per la fabbricazione di refrattari e di prodotti analoghi resistenti alle alte temperature.


Fibrolite

ORDINE ALFABETICO DI TUTTI I MINERALI


giovedì 9 giugno 2016

PLATTNERITE - Ossidi (Oxides)



 PLATTNERITE

PbO2

SISTEMA: Trigonale
DUREZZA: 5 - 5,5
DENSITÀ: 9,4
SFALDATURA: Imperfetta
FRATTURA: Assente
COLORE: Nero
COLORE DELLA POLVERE: Castano, marrone
LUCENTEZZA: Submetallica

Il  minerale si presenta in cristallini aciculari, di un bel colore nero brillante, o in masse bruno-nere.

CARATTERI DIAGNOSTICI - È facilmente attaccabile dagli acidi.

ORIGINE - Si trova in alcuni giacimenti quale prodotto di forte ossidazione superficiale dei minerali di piombo.

GIACIMENTI - Fu osservala per la prima volta in Scozia (Leadhills), ma in quantità notevoli fu scoperta in seguito nell'ldaho (Mullan). In tempi recenti una buona serie di campioni di plattnerite fu trovata nel famoso giacimento di Mapimi, in Messico.



lunedì 6 giugno 2016

LAVENDULANITE o LAVENDULANO (Lavendulan)



LAVENDULANITE

(Ca, Na)2Cu5(AsO4)4Cl*5H2O

SISTEMA: Rombico
DUREZZA: 2,5
DENSITÀ: 3,5
SFALDATURA: Buona
FRATTURA: Fragile
COLORE: Blu lavanda
COLORE DELLA POLVERE: Più chiara del suo colore
LUCENTEZZA: Da vitrea a cerea


Nota anche come lavendulano, forma croste botrioidali color blu lavanda (da cui il nome del minerale), traslucide, con lucentezza da vitrea a cerea. Forma anche aggregati fioccosi.

ORIGINE - È un minerale di origine secondaria.

GIACIMENTI - La lavendulanite è stata rinvenuta a Jáchymov (Repubblica Ceca) associata a eritrite e nella Contea di Tooele, nello Utah (Usa), con olivenite.
È nota anche a Meskani e ad Amarak in Iran.



venerdì 3 giugno 2016

BROOKITE (Arkansite) - Ossidi (Oxides)



BROOKITE

TiO2

SISTEMA: Rombico
DUREZZA: 5,5 - 6,0
DENSITÀ: 3,9 - 4,2
SFALDATURA: Poco distinta
FRATTURA: Irregolare
COLORE: Da bruno a nero
COLORE DELLA POLVERE: Bruno-giallo, giallo
LUCENTEZZA: Da metallica ad adamantina


Si presenta sempre in bei cristalli lucenti, con abito distintamente tabulare, talora fortemente striati. Il colore è simile a quello dell'anatasio: può variare da bruno chiaro fino a nero ferro. 

CARATTERI DIAGNOSTICI - Come per l'anatasio, l'abito dei cristalli rende questa specie inconfondibile.

ORIGINE - La brookite è una specie tipica delle litoclasi delle rocce scistose alpine, ove si presenta associata non di rado all'anatasio, di cui è tuttavia notevolmente più rara.

GIACIMENTI - Pregevoli campioni sono stati rinvenuti nei Grigioni (Svizzera), nelle Alpi francesi e in Austria. In Italia la brookite fu trovata a Sondalo in Valtellina e nell'Appennino ligure. 
Fuori della zona alpina, bei cristalli provengono dagli Urali e soprattutto da Magnet Cove Arkansas, Usa): qui i cristalli, di colore nero, non sono tabulari, ma presentano un caratteristico abito prismatico piuttosto tozzo (varietà arkansite).

USI - Alcuni giacimenti offrono qualità di minerale utile per l'estrazione del titanio.